Il Feeling nella comunicazione tra medico e paziente

Il Feeling nella comunicazione tra medico e paziente

Quando un professionista sanitario e un paziente interagiscono tra loro, entrambi influenzano reciprocamente l’atmosfera con meccanismi sottili, quasi impercettibili. Riuscire a creare Feeling è importantissimo per costruire un ambiente rilassato che favorisca la fiducia del paziente nei confronti del suo medico.

Come creare feeling durante una visita?

Per Feeling si intende la capacità di comprensione dell’altro, di condivisione e di accettazione della sua percezione della realtà senza alcun giudizio di valore. In questo modo, da una parte il paziente può sentirsi al sicuro, confidando tutte le paure che potrebbero interferire con la buona riuscita della terapia, dall’altra il professionista sanitario può lavorare in un ambiente tranquillo senza stress.

Esistono quattro tecniche che permettono di creare un clima di non-conflitto durante una visita medica con un paziente: la calibrazione, il ricalco, la guida e l’ascolto attivo.

La calibrazione

Calibrare significa porre l’attenzione sull’altro, osservandone il linguaggio corporeo, le espressioni del viso e il tono di voce usato. Attraverso la calibrazione un medico può distinguere e riconoscere facilmente gli stati emotivi e mentali che il paziente ha in ogni istante durante la visita medica. Di conseguenza, a seconda del comportamento del paziente, il professionista sanitario può scegliere consapevolmente quale atteggiamento adottare per calmare, incoraggiare o mettere a suo agio il paziente.

L’empatia è fondamentale nella calibrazione per capire le emozioni dell’altra persona, stabilendo cosa la mette a suo agio, cosa la infastidisce e cosa la innervosisce. Comprendere il paziente senza giudicarlo è il primo passo da fare per calibrare.

Il ricalco

Ricalcare significa entrare in relazione il paziente stabilendo affinità. Consiste nell’adeguare il proprio stile comunicativo a quello della persona che si ha di fronte per metterla a suo agio. Esistono tre tipi di ricalco:

  1. Ricalco verbale significa utilizzare parole e concetti simili a quelli dell’interlocutore per avvicinarsi alla sua percezione della realtà.
  2. Ricalco Paraverbale avviene quando si simulano le stesse caratteristiche della voce del paziente, come tono, volume e ritmo.
  3. Ricalco Non-Verbale, anche detto rispecchiamento o mirroring, è la riproduzione graduale della postura e dei movimenti dell’interlocutore. È necessario però non esagerare copiando ogni singolo movimento perché sarebbe un comportamento poco educato.

La guida

È possibile guidare il paziente verso lo stato d’animo più adatto per la buona riuscita della visita medica. Attraverso la tecnica della guida, si vanno ad alterare alcuni elementi del proprio comportamento, come la respirazione, la voce e la postura, perché l’interlocutore possa emularlo e tranquillizzarsi. Se la persona dopo un po’ segue l’esempio dato, allora la tecnica della guida è stata praticata con successo.

In ambito medico, la guida è molto utile per rassicurare, confortare e diminuire le paure del paziente.

Ascolto attivo

L’ascolto attivo consiste nell’ascoltare il paziente senza pregiudizi, cercando di comprendere le sue vere intenzioni e le emozioni dietro alle parole che pronuncia. L’attenzione va concentrata sull’interlocutore piuttosto che sui propri pensieri, perciò per un professionista sanitario è una buona pratica parafrasare quello che il paziente dice per capire se ha compreso appieno quello che l’altro prova e pensa.

Conclusione

Il feeling è fondamentale nella relazione tra un professionista sanitario e un paziente perché consente ad entrambe le parti di vivere con serenità la terapia e il susseguirsi degli appuntamenti.

È possibile generare feeling in modo proattivo grazie ad alcune tecniche che non includono la simpatia per l’altra persona. Grazie alla calibrazione si osserva il comportamento e lo stato d’animo del paziente. Con il ricalco si possono emulare alcune caratteristiche della comunicazione del paziente per creare una connessione. Attraverso la guida un professionista sanitario può calmare i pazienti spaventati. Infine, con l’ascolto attivo si impara a scoprire le vere intenzioni delle persone andando oltre alle parole dette.

L’empatia è un prerequisito fondamentale per poter applicare con successo ognuna delle quattro tecniche che stimolano il feeling.

Commenti

Quanto hai trovato utile questo post?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 0 / 5. Voti 0

Ancora nessun voto. Lascialo tu per primo

Visto che hai trovato questo post utile...

Seguimi sui social per restare aggiornato!

Mi dispiace tu non abbia trovato questo post utile

Permettimi di migliorare!

Dimmi cosa potrei fare per migliorare questo post